PDFStampaE-mail

Vittoria referendum NO airport bz

In qualità di Consiglieri comunali, io Alberto Dell’Osbel e Paolo Castelli, ma prima ancora, come cittadini di Laives, esprimiamo piena soddisfazione per l’esito del referendum sul finanziamento pubblico dell’aeroporto di Bolzano. Siamo felicissimi per l’affluenza a Laives e per l’altissima percentuale che ha sostenuto la battaglia intrapresa dall'amministrazione comunale. Come Consiglieri che appoggiano esternamente la maggioranza, vogliamo fare i complimenti al Sindaco Christian Bianchi ed al Vicesindaco Giovanni Seppi per il comportamento responsabile e l’impegno continuo che hanno messo in questa battaglia che ci vede, noi come Movimento, da sempre in opposizione alla Provincia di Bolzano.

Aver detto no al finanziamento pubblico è aver detto no all'ampliamento dell’aeroporto. Un esito atto a tutelare l’intera comunità della Bassa Atesina, a partire da San Giacomo sino a Salorno. Oltre alla salvaguardia ambientale, si è votato per la salvaguardia dei conti pubblici. Ricordiamo che ad oggi l’aeroporto è costato oltre i 100 milioni di Euro che con il SI non avrebbero tardato a raddoppiarsi.

Ricordiamo che qualche giorno fa il Consiglio provinciale di Bolzano ha deliberato quasi all'unanimità di rilevare in ogni caso dallo STATO la COMPETENZA e le STRUTTURE DELL'AEROPORTO di BOLZANO e di SALVAGUARDARE in tal modo GLI INTERESSI degli ALTOATESINI anche in caso di una vittoria del NO al REFERENDUM di domenica. Come da noi sempre sostenuto. Proprio per questo e per 
l’esito referendario nel nostro Comune, chiediamo le dimissioni dei maggiori esponenti del PD di Laives. Hanno dimostrato , anche nei banchi dell’opposizione, di non saper comprendere le priorità e gli interessi dei cittadini di Laives. Ricordiamo che il PD di Laives è stato l’unico gruppo politico a non aggregarsi nella battaglia per lo STOP all'aeroporto.

Alberto Dell'Osbel
Paolo Castelli

M5S Laives