No alla Centrale a Pompaggio
Mentre il resto del mondo va verso le energie rinnovabili, l'Amministrazione di Laives pensa bene all'energia non ecosostenibile, con un progetto dalla strabiliante somma di 300 MILIONI di Euro. Dopo il progetto dello stadio, l’amministrazione comunale di Laives, complice della Provincia, sta valutando l’idea di consentire, alla Southtyrol Energ,  la costruzione di una centrale a pompaggio sul nostro territorio, precisamente nella zona del Sait. Inizialmente il progetto venne proposto al Renon, ma questo, in seguito ad un’attenta valutazione di impatto ambientale, fu bocciato. Anche per Laives si  prevede la realizzazione di due grandi bacini idrici, da realizzarsi all'interno del monte Sait, aventi l'utilità di accumulare l'energia elettrica in eccesso, per poi ridistribuirla in rete quando necessaria. Per una valutazione e comprensione del progetto vi rimandiamo a questa pagina, clicca qui.

Il progetto è stato presentato ,pubblicamente , il  27 settembre 2010 presso l'Aula Magna di Laives (vedi video), vogliamo ricordare che durante la presentazione erano presenti molti abitanti del Sait i quali, visto il progetto, hanno abbandonato infuriati la sala. 

GUARDA IL PROGETTO NEL DETTAGLIO.

GUARDA IL VIDEO DELLA PRESENTAZIONE

PDFStampaE-mail

Bocciattura mozione, la centrale si farà.

Scritto da Alberto Dell'Osbel Sabato 06 Agosto 2011 09:30

Con la bocciatura della mozione da noi portata, riguardante l'impegno a impedire, su tutto il territorio comunale, la costruzione di centrali idroelettriche dotate di impianto di pompaggio, abbiamo appreso ufficialmente che la Giunta è intenzionata a procedere anche con questo progetto. Progetto, a nostro avviso, assurdo quanto la Cittadella dello Sport, positivo solo per i privati che lo realizzeranno.

Oltre a ciò è emersa ancora una volta l'instabilità politica di questa Giunta, sempre più costretta all'appoggio del centro destra. PD e il PDL , sempre meno aspetti li differenziano, se continueranno di questo passo a breve sarà solo la lettera "L" a fare la differenza.

Favorevoli alla bocciatura della centrale a pompaggio:
-Movimento 5 Stelle
-SVP
-Verdi
-Indipendenti e democratici
-Freiheitlichen

Contrari alla bocciatura del progetto:
-PD
-IDV
-La Civica (comitato di Pineta)

-PDL
-Unitalia
-Lega

 

PDFStampaE-mail

Mozione: Stop alla centrale a pompaggio

Scritto da Alberto Dell'Osbel Domenica 17 Luglio 2011 11:33

Come ben saprete, dopo il progetto dello stadio, l’amministrazione comunale di Laives, , sta valutando l’idea di consentire la costruzione di una centrale a pompaggio  sul nostro territorio, precisamente nel monte Sait. Progetto, inizialmente proposto al Renon il quale, in seguito ad un’attenta valutazione di impatto ambientale, venne bocciato. Anche nel nostro caso, dopo un'attenta valutazione tra benefici e rischi e l'analisi di impianti già in funzione ( esaminati in una relazione effettuata da un importante Istituto Tedesco) dobbiamo ritenere questo progetto dannoso per la cittadinanza e l'ambiente, quindi Bocciarlo!

Abbiamo quindi portato una mozione che, premessi tutti i rischi per la cittadinanza, impegna la Giunta a impedire, su tutto il territorio comunale, la costruzione di centrali idroelettriche dotate di impianto di pompaggio.

Mozione, leggi qui.

 

PDFStampaE-mail

Progetto della "Centrale a pompaggio"

Scritto da Administrator Venerdì 04 Marzo 2011 12:29

Cosa si vuole costruire?
In breve si vuole costruire una centrale che sfrutti il ciclo economico della richiesta energetica. Nel momento in cui il mercato offre l'energia elettrica al minor prezzo (la notte) viene pompata l'acqua dal bacino inferiore a quello superiore. Nel momento di maggior richiesta energetica, dove essa viene venduta a prezzo maggiore, viene fatto defluire il contenuto del bacino superiore in quello inferiore permettendo quindi per effetto della caduta di produrre attraverso una turbina dell'energia elettrica.

Dove sta il guadagno?
Il guadagno sta nella differenza di prezzo tra l'energia consumata per pompare l'acqua nel bacino superiore al prezzo di vendita dell'energia prodotta nel far defluire l'acqua nel bacino inferiore.

Dove la si vuole costruire?
Nella montagna Sait, in corrispondenza dell'ingresso della galleria che collega Laives a Bolzano.

Che volume avrà l'opera?
Per realizzare quest'opera sarà necessario scavare all'interno della montagna per un volume paragonabile al volume occupato dalla Piramide di Keope.